silviomigliaccio@psypec.it 3318370554

Quando giunge il momento, spesso dopo lunghe riflessioni, in cui bisogna decidere se contattare uno psicologo, vi sono almeno due domande che ci si pone continuamente:

che succede se, dopo averlo incontrato, per un qualsivoglia motivo non mi sono sentito a mio agio? Mi conviene lasciar perdere o continuare? Ho sprecato dei soldi?

E ancora:

se decido di intraprendere questo percorso, quanto durerà? Potrò interromperlo quando voglio? E se dopo un po’ il mio problema si ripresenta?

Per quanto riguarda la prima serie di domande, le risposte sono molto semplici: se durante il primo incontro non dovessero esserci le giuste sensazioni, si potrà tranquillamente decidere di non continuare. Il primo incontro è gratuito, quindi non si saranno buttati soldi. Inoltre, a fine seduta consegnerò un abbozzo di piano terapeutico, da calibrare e rivedere quando ci sarà necessità, cosicché sarà ancora più facile decidere se fermarsi o continuare.

Per ciò che invece concerne il secondo punto, sul piano terapeutico vengono indicati obiettivi a breve e lungo termine, con delle stime di tempistiche in base a ciò che si vuol conseguire. Il cliente può chiaramente decidere di interrompere in ogni momento. E se per caso il problema dovesse ripresentarsi a distanza di settimane o anche mesi, basterà una telefonata: il nuovo incontro sarà gratuito, come il primo, e si potrà discutere della possibilità di ricominciare con il percorso precedentemente interrotto.

La parola d’ordine è dunque “flessibilità”, sia nei metodi che nei tempi, per fornire un servizio personalizzato ed efficace.

Chiudi il menu